Operativa la via per Industria 4.0 grazie ad un accordo Ministero-Confindustria

L’accordo siglato ad inizio aprile tra i Digital Innovation Hub e i Competence Center ha dato il via ad una sinergia tra Confindustria e il Ministero dello Sviluppo Economico per attivare il network italiano dell’innovazione 4.0

L’accordo definisce i ruoli di tutti i soggetti nelle diverse aree di competenza e permetterà ai Competence Center, presenti su tutto il territorio italiano, e agli otto Digital Innovation Hub di proporre al governo delle attività e aggregazioni per partecipare al Digital Europe Programme.

Obiettivo primario: orientare e sostenere le imprese verso un modello digitale per incrementare la loro competitività. Se la strada per la digitalizzazione delle imprese italiane era già ben delineata, il Covid-19 sta diventando una leva per accelerare l’adozione di tecnologie digitali 4.0. Si aprono vie e opportunità soprattutto per le PMI, spesso in difficoltà per mancanza di competenze e risorse finanziarie per attuare un programma di crescita in ottica di Industria 4.0.

L’opinione del nostro presidente: Elio Catania

“Abbiamo creato oggi l’infrastruttura italiana per l’innovazione 4.0, mettendo insieme le eccellenze del sistema di ricerca e universitario con la capillarità e le competenze del sistema Confindustria. Un supporto concreto per ridisegnare il sistema industriale del Paese. Le imprese hanno bisogno di competenze per affrontare la modernizzazione dei processi produttivi. Questo Accordo è uno strumento operativo – aggiunge Elio Catania, presidente del gruppo tecnico Crescita Digitale delle Imprese – e crea, soprattutto in questa fase di crisi, le condizioni per accelerare gli investimenti 4.0 e per consentire anche alle PMI di cogliere le opportunità legate alla trasformazione digitale”.

 

L’accordo ha una doppia valenza:

  • l’accordo nel breve periodo servirà per sostenere immediatamente la ripartenza delle aziende dopo il lockdown
  • nel medio-lungo periodo la collaborazione Confindustria-Ministero permetterà di operare a livello europeo, dove il Digital Europe Programme della Commissione Europea per il periodo 2021-2027 prevede di investire quasi 10 miliardi di euro.