Quin nel board CNHI per la ridefinizione del Planning Corporate TemplateUnica società di consulenza chiamata a riprogettare i processi di Supply Chain Planning della multinazionale all'interno del gruppo Fiat Chrysler Automobiles.

Nuova prestigiosa e sfidante attività a cui sono stati chiamati i consulenti Quin: far parte, quale unica società di consulenza, del team di lavoro CNHI che è stato incaricato di definire il Template di gruppo nell’ambito dei processi di Planning e delle soluzioni informative a supporto.

CNHI (Case New Holland Industrial), società multinazionale del gruppo FCA (Fiat Chrysler Automobiles), quotata alla Borsa Italiana e allo Stock Exchange di New York, è stata costituita nel 2012 dalla fusione di CNH Globe (marchi New Holland, Case Corporation, Steyr…) e Fiat Industrial (IVECO, FPT…) e a oggi progetta, produce e commercializza macchine per l’agricoltura e le costruzioni, veicoli industriali e commerciali, autobus e mezzi speciali, oltre ai relativi motori e trasmissioni, e a propulsori per applicazioni marine.

Tutto ciò grazie alle attività svolte in 62 plant dislocati a livello globale (33 in EMEA, 11 NAFTA, 10 LATAM, 8 APAC) che impiegano complessivamente oltre 70 mila persone!

In un contesto così ampio sia per quanto riguarda l’offerta sia per la collocazione geografica, CNHI ha individuato nel fatto di dotarsi di un modello di pianificazione unico, generale e condiviso una leva strategica di business.

Un template generale ma ovviamente scalabile sulle esigenze differenziate delle diverse line of business o dei singoli plant ma con un denominatore comune di processi, best practice e strumenti, dal S&OP (Sales&Operations Planning) fino al Sequencing delle linee di montaggio, passando per i processi di traduzione della domanda commerciale e la sua pianificazione quali Netting, Slotting e Scheduling.

Quin, dopo essersi qualificata quale Operations Competence Center attraverso diversi incontri di accreditamento sia lato “business” che “IT”, è stata chiamata a portare il suo contributo all’interno del team di lavoro mettendo a fattor comune la conoscenza che i suoi professionisti possiedono sui principali modelli teorici, le best practice consolidate in ambito Operations oltre all’esperienza maturata su vari tool informatici a supporto del Supply Chain Management.